Terni Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Ondata di diffamazione online: la lotta del vice sindaco di Amelia contro l’odio digitale

Avio Proietti Scorsoni affronta insulti e minacce sui social, rivelandosi una storia di resilienza e giustizia nel cuore dell'Umbria

Il Vice Sindaco di Amelia, Avio Proietti Scorsoni, ha condiviso un’esperienza personale che iniziò due anni fa, quando iniziò a essere oggetto di insulti e minacce su vari account sui social media, mirati a nascondere l’identità degli autori. Scorsoni ricorda di essere stato etichettato con epiteti denigratori come mafioso, criminale, incompetente, pazzo, e altri termini offensivi. Queste aggressioni verbali sono state seguite da minacce dirette anche alla sua famiglia, spingendo Scorsoni a rivolgersi alla Polizia Postale per denunciare gli atti.

Scorsoni esprime profonda gratitudine verso la Polizia Postale per la loro dedizione e professionalità nel gestire il caso. Dopo un periodo di incertezza e disperazione, la giustizia ha prevalso quando è stata rivelata l’identità di chi stava dietro ai profili Facebook usati per le intimidazioni. La notizia della decisione di portare il caso in tribunale è arrivata il 29 novembre 2023.

Il Vice Sindaco condivide poi un episodio particolarmente doloroso: durante il funerale di sua madre, un post online ha celebrato la sua scomparsa come un risultato delle maledizioni lanciate contro lui e la sua famiglia, per la situazione delle strade nel centro storico e la sua presunta indifferenza. Scorsoni si dice anche deluso da tre conoscenti, che hanno espresso apprezzamento per i post diffamatori. Pur riconoscendo il cattivo stato di alcune strade, come Via della Piaggiola, lamenta l’odio ingiustificato verso lui e la sua famiglia, sottolineando la sua disponibilità ad ascoltare e spiegare le difficoltà incontrate nel risolvere tali problemi infrastrutturali.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Altre notizie

Terni Tomorrow