Terni Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Forum delle Acque 2024, intesa internazionale fra Hydra e Living Waters Museum

L’importante accordo con il museo indiano permetterà a Hydra di lanciarsi nello scenario mondiale e portare importanti benefici, sia culturali che economici, al territorio

Alessandro Capati e Francesco Fioretti, rispettivamente project manager e presidente di Hydra Museo della Cascata delle Marmore, hanno attraversato cinquemila miglia per unire le forze con il Living Waters Museum in India. L’intento: promuovere la sostenibilità ambientale e preservare il tesoro globale dell’acqua. La collaborazione è stata siglata con un Memorandum of Understanding (MoU), evidenziando uno sforzo congiunto per condividere competenze e materiale.

L’accordo prevede uno scambio di competenze e risorse, con particolare attenzione alla creazione dell’Ecomuseo della Bassa Valnerina e alle attività didattiche. Inoltre, prevede la coorganizzazione del prossimo Forum delle Acque 2024, con uno speciale focus sulla cultura e sull’arte contemporanea indiana. La partnership si estende anche a progetti di idro-diplomazia tra Italia e India.

La nuova sfida nel segno dell’acqua

Durante la visita in India, i rappresentanti di Hydra hanno esplorato il ricco patrimonio legato alla relazione umana con l’acqua nella regione di Goa. Un punto saliente è stata l’indagine sulle Khazans, un antico sistema di controllo dei corsi d’acqua che risale a oltre 3500 anni fa. Questo complesso sistema, ancora in uso, permette alle comunità locali di integrare agricoltura e pesca in armonia con l’ambiente naturale.

La collaborazione non si è limitata agli accordi formali; il team di Hydra ha scambiato conoscenze ed esperienze con il Living Waters Museum, comprendente artisti locali, esperti di processi partecipativi e curatori artistici. L’obiettivo principale della collaborazione è espandere le rispettive attività, con Hydra orientato principalmente verso un museo indoor e LWM dedicato esclusivamente a progetti outdoor di recupero culturale legati all’acqua.

Francesco Fioretti, presidente di Hydra, ha dichiarato: “Questo accordo ci permette di fare grandi cose insieme, espandendo le nostre attività e portando respiro internazionale al nostro impegno.” Alessandro Capati, project manager di Hydra, aggiunge che la fondazione, nata localmente, ha ora ottenuto riconoscimenti mondiali, evidenziando l’interesse verso un contesto internazionale attraverso l’idro-diplomazia.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Altre notizie

Terni Tomorrow