Terni Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Bando emergenza abitativa, Maggi: “Tutto corretto, lo dice la Regione”

L'assessore ai lavori pubblici: "La norma penalizzante è stata inserita proprio dal centro-destra per escludere chi ha condanne penali"

L’assessore ai lavori pubblici del comune di Terni Giovanni Maggi, ha pubblicato una nota sul sito istituzionale del Comune per chiarire alcuni aspetti relativi al bando per l’emergenza abitativa.

Maggi ha specificato che “Lo scorso anno sono stati eseguiti interventi di recupero e ripavimentazione in asfalto dell’area ad uso parcheggio antistante la chiesa e del campo da calcio Alberto Comandini in viale Rossini”.

L’assessore ha enfatizzato che la responsabilità per l’esame e la valutazione delle domande non spetta alla parte politica, ma è affidata alla struttura amministrativa dell’ente e a una commissione nominata secondo il regolamento vigente. “Alla Giunta compete la verifica dell’attività posta in essere da detti soggetti e provvedere, come è stato immediatamente fatto, ben prima delle esternazioni dell’assessore Melasecche, alla soluzione di problematiche sorte per interpretazioni degli uffici ritenute erronee, come dimostra la nuova convocazione delle commissione spedita l’8/11/2023”.

Maggi ha inoltre ribadito l’esattezza del bando di gara pubblicato, attribuendo le iniziali esclusioni a un’errata interpretazione della normativa regionale.Il bando di gara pubblicato è corretto – precisa l’assessore Maggi – e le esclusioni iniziali effettuate dagli uffici sono dovute soltanto ad una interpretazione errata della normativa regionale vigente, infatti è stato possibile riprocedere alla valutazione senza dover modificare o emendare il bando pubblicato. Quindi nessun errore da parte della Giunta Comunale che anzi si è adoperata immediatamente per sanare le problematiche evidenziate”.

Maggi ha criticato le affermazioni dell’assessore Melasecche, accusandolo di fornire informazioni false e di distorcere la realtà.  Melasecche, secondo Maggi, “si pone come paladino dei soggetti deboli mistificando la realtà e dando numeri inesistenti, le iniziali esclusioni, poi sanate, a causa di reati penali riguardavano meno di 10 soggetti a fronte dei 50 sbandierati a caso dall’assessore regionale”.

Infine, l’assessore ha rilevato il ritardo della precedente amministrazione nell’affrontare la questione dell’emergenza abitativa e criticato la normativa regionale sulla non assegnazione degli alloggi a soggetti con condanne penali. “Occorre evidenziare che la giunta comunale uscente di destra-centro non ha mai voluto affrontare il problema della emergenza abitativa che invece è stato immediatamente affrontato proprio dalla giunta Bandecchi con emanazione del bando a soli due mesi dall’insediamento. L’assessore Melasecche dimentica inoltre che le problematiche abitative si sono esasperate in quanto lui e la maggioranza di Destra-Centro di cui fa parte sono i responsabili del ritardo di oltre un anno, la precedente graduatoria è scaduta il 31/12/2022, con cui si è provveduto all’emanazione del bando tipo a cui debbono attenersi le amministrazioni comunali per la pubblicazione del proprio bando per l’assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Infine l’assessore Melasecche dimentica che la normativa relativa all’impossibilità di assegnare alloggi ai soggetti che hanno subito condanne penali che comporteranno l’esclusione di tantissimi cittadini dall’assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica”

 

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

L'assessore regionale ai lavori pubblici replica a distanza all'omologo comunale Maggi: "Notizie incomplete o false...
L'assessore ai lavori pubblici, assente alla consegna delle case, attacca a testa bassa l'ente che...
Un'indagine approfondita sui lavori di manutenzione essenziali ...

Altre notizie

Terni Tomorrow