Terni Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Allarme carcere, il Pd a Nordio: “Sovraffollamento e poco personale, intervenga”

Visita del senatore Verini ai penitenziari di Terni e Spoleto. I dati drammatici di Sabbione già sulle cronache nazionali nei giorni scorsi. L'appello al ministro della Giustizia: "ripristinare in Umbria il Provveditorato dell'amministrazione penitenziaria".

La situazione delle carceri in Umbria, in particolare a Terni, è drammatica”. Così il senatore umbro del Partito Democratico Walter Verini, durante una visita compiuta nella giornata di venerdì 12 genaio nelle carceri di Spoleto e Terni. Il senatore, che è anche segretario della commissione Giustizia del Senato e capogruppo Pd in antimafia, ha espresso forte preoccupazione per le condizioni attuali.

“In Umbria, la capienza delle quattro carceri di Perugia, Spoleto, Terni e Orvieto è di circa 1.300 detenuti, e oggi siamo ad oltre 1.500 unità,” ha dichiarato il parlamentare. Terni, in particolare, sta affrontando un grave problema di sovraffollamento, con 520 detenuti a fronte di una capienza massima di 400/405.

La situazione è aggravata dalla mancanza di personale della polizia penitenziaria. “La carenza è di una cinquantina di unità a Terni, altrettante a Spoleto, meno a Perugia e Orvieto, ma anche lì mancano diversi agenti rispetto alla pianta organica,” ha aggiunto Verini. Il tema peraltro, era stato rilanciato dai dati della fondazione Ristretti Orizzonti, che aveva sottolineato come Terni sia in testa alla classifica italiana per numero suicidi in carcere nel 2023, insieme a Regina Coeli e San Vittore. Una questione così ampia da essere stata oggetto nei giorni scorsi anche di un ampio servizio sulle pagine del quotidiano Avvenire.

Il senatore ha rivolto un appello al governo e al ministro della Giustizia Carlo Nordio: “Basta girare la testa dall’altra parte quando si parla di carceri. Una pena rieducativa va a beneficio dell’intera società. Chiediamo con forza di ripristinare in Umbria il Provveditorato dell’amministrazione penitenziaria.” Attualmente infatti l’Umbria è sotto il controllo unificato della Toscana.

Il consigliere regionale dem Fabio Paparelli ha sottolineato il difficile rapporto detenuti/agenti a Terni, che è di 2,6 (520 detenuti e 202 agenti operativi), contro una media nazionale intorno a due. “O si incrementano gli organici della penitenziaria oppure si attenua la complessità della struttura di vocabolo Sabbione,” ha affermato Paparelli.

Al punto stampa erano presenti anche il segretario del Pd di Terni Pierluigi Spinelli e i consiglieri comunali Francesco Filipponi (capogruppo dem a Palazzo Spada) e José Maria Kenny (candidato sindaco del centro sinistra e capogruppo di Innovare per Terni). Il Pd ha ricordato la presentazione dell’atto di indirizzo, approvato prima delle feste, proprio per chiedere maggiore attenzione al problema.

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

L'intervista-show con l'attrice e conduttrice, a Terni per presentare il suo libro e raccontare la...
Una squadra della sede centrale di Terni dei Vigili del Fuoco è intervenuta per le...
Incidente venerdì mattina in Strada di Collescipoli, all'incrocio con Via Natta. Le condizioni non sono...

Altre notizie

Terni Tomorrow