Terni Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Sette anni fa la tragedia di Rigopiano in cui morì il ternano Riccetti: “Fare giustizia”

In primo graodo 25 assoluzioni e appena 5 condanne. Il processo d'appello è in corso a L'Aquila da dicembre, con la sentenza attesa per il 9 febbraio.

Sette anni fa, il 18 gennaio 2017, l’hotel Rigopiano, situato nelle vicinanze di Farindola sulle pendici del Gran Sasso, venne devastato da una valanga che si abbatté alle 16.49, causando la morte di 29 persone, tra cui il trentatreenne Alessandro Riccetti, receptionist dell’hotel.

Oggi, come ogni anno dal tragico evento, in Abruzzo si vive una giornata di profondo lutto e commemorazione. Nel 2017, la regione era in piena emergenza invernale, con accumuli nevosi che superavano i due metri e migliaia di abitanti senza elettricità. Il giorno della tragedia, quattro terremoti di magnitudo superiore a 5 hanno scosso la provincia dell’Aquila, aumentando la paura tra gli ospiti dell’hotel che, impossibilitati a lasciare la struttura a causa della neve, avevano inviato numerose richieste di aiuto rimaste senza risposta.

Nel pomeriggio del 18 gennaio, il resort venne sepolto da una massa di ghiaccio e detriti del peso di 120 mila tonnellate. Per commemorare le vittime, oggi si terranno diverse iniziative a Rigopiano, tra cui una fiaccolata alle 15 presso l’obelisco dell’hotel, una cerimonia di deposizione di fiori, una messa, la lettura dei nomi dei 29 defunti e il rilascio di 29 palloncini bianchi, seguito dall’esecuzione del “Signore delle cime” da parte di un coro. Eventi commemorativi sono previsti anche a Chieti e Montesilvano.

La richiesta di giustizia

I familiari delle vittime continuano a richiedere giustizia. Nel processo di primo grado, conclusosi a febbraio 2023 con rito abbreviato, si sono registrate 25 assoluzioni e cinque condanne. Tra i condannati, il sindaco di Farindola, Ilario Lacchetta, e due dirigenti della Provincia di Pescara, Paolo D’Incecco e Mauro Di Blasio, oltre a Bruno Di Tommaso, ex gestore dell’albergo, e Giuseppe Gatto, autore della relazione tecnica sull’hotel. Il processo d’appello è in corso a L’Aquila da dicembre, con la sentenza attesa per il 9 febbraio.

Il ricordo del presidente della Camera

In ricordo delle vittime, il Presidente della Camera, Lorenzo Fontana, ha espresso il suo cordoglio attraverso i social media, ricordando le vittime della tragedia e mostrando vicinanza alle loro famiglie, ai sopravvissuti e alla comunità abruzzese, ringraziando inoltre soccorritori e volontari e augurandosi che la verità emerga presto.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il primo cittadino durante il consiglio comunale va all'attacco dell'ex assessore di Fdi che replica:...
Il Messaggero sottolinea come le telecamere di alcuni esercizi in centro abbiano ripreso sempre lo...

Altre notizie

Terni Tomorrow