Terni Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Ostacoli nel progetto di idrogeno verde sulla tratta ferroviaria Terni-Sulmona

Tra complessità tecnica e sfide finanziarie: il futuro incerto della trasformazione verde sulle rotaie italiane

È emerso recentemente dalle dichiarazioni del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Matteo Salvini, che il progetto di conversione dei treni da combustibili fossili a idrogeno verde sulla tratta Terni-Sulmona incontra ostacoli significativi. Questi riguardano principalmente la complessità infrastrutturale e la gestione dei sistemi di produzione di idrogeno verde. La problematica si aggrava in considerazione delle sfide legate alla sicurezza nell’installazione di stazioni di rifornimento idrogeno vicino alle stazioni ferroviarie. Inoltre, le questioni tecniche riguardanti l’elettrificazione della linea, specialmente nel segmento tra Sulmona e L’Aquila, sono state sottolineate da Rete Ferroviaria Italiana (R.f.i.).

Finanziamenti e ostacoli

La situazione è ulteriormente complicata dalla mancata pubblicazione di un bando per la reassegnazione di 50 milioni di euro, destinati alla ricostruzione post-terremoto. Durante un incontro tecnico, sono emerse difficoltà relative sia alla copertura finanziaria, rivelatasi inadeguata, sia alla collocazione delle stazioni di rifornimento di idrogeno, con solo Terni e Sulmona ritenute idonee. In aggiunta, si sono presentati problemi di sicurezza associati al progetto. Nonostante l’approvazione di un decreto ministeriale per una copertura finanziaria di 300 milioni di euro dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), non sono state risolte le criticità che impediscono l’avanzamento del progetto.

Sviluppi e miglioramenti da R.f.i.

Tuttavia, alcuni progressi sono stati fatti da R.f.i. nell’ambito del progetto ‘Upgrading Terni – Rieti – L’Aquila – Sulmona – Interventi prioritari’. Questo include modifiche ai piani regolatori degli impianti lungo la tratta Terni-Rieti, eliminazione di passaggi a livello, e miglioramento delle curve sulla linea per ridurre i tempi di viaggio e abbattere le barriere architettoniche. È previsto inoltre un aggiornamento tecnologico con l’implementazione del sistema ERTMS L2 sulla linea Terni – Sulmona, con inizio previsto nel 2026. Questi interventi avranno luogo in fasi successive, in linea con le risorse disponibili e le interazioni con gli enti locali.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il sindaco torna a sollecitare in forma ufficiale il pagamento delle spettanze all'Ente: nuova missiva...
Il primo cittadino durante il consiglio comunale va all'attacco dell'ex assessore di Fdi che replica:...

Altre notizie

Terni Tomorrow