Terni Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

La testimonianza di una paziente: “Salvata da cardiochiurgia dell’ospedale di Terni”

Dopo le polemiche relative al possibile depotenziamento del nosocomio ternano interviene una paziente con una lettera accorata raccontando la sua esperienza

Una cittadina, in seguito a un grave episodio cardiaco vissuto nel 2018, ha inviato una lettera aperta ai media per evidenziare le sue preoccupazioni sulle politiche sanitarie attuali, risonando con le recenti osservazioni del consigliere regionale del M5S, Thomas De Luca, riguardo al presunto smantellamento dei servizi di cardiochirurgia nella regione.

La signora, colpita da un infarto improvviso a dicembre 2018, ha raccontato il suo drammatico salvataggio presso l’ospedale di Terni. “Senza alcun preavviso, il mio cuore ha smesso di battere”, ha detto. Affidandosi alle cure della dottoressa Mezzetti e successivamente sottoposta a un intervento d’emergenza di angioplastica da parte del professor Dominici e del dottor Casavecchia, attribuisce a loro il merito di averle salvato la vita.

“Ricordo con gratitudine ogni momento in terapia intensiva, dove il personale si è dimostrato di una professionalità e umanità eccezionali”, ha aggiunto. La sua permanenza in ospedale, protrattasi fino alla vigilia di Natale, è stata un’esperienza che l’ha profondamente segnata.

La donna ha poi espresso un’accorata riflessione: “Mi chiedo, dove sarei stata senza l’accesso immediato a cure specialistiche?”. Il suo caso, ha sottolineato, è solo uno tra i tanti in cui la rapidità e l’efficacia dell’intervento medico fanno la differenza tra la vita e la morte.

Concludendo la sua lettera, ha fatto appello alla coscienza collettiva: “Non possiamo restare in silenzio di fronte a ciò che sta accadendo. La salute è un diritto fondamentale, un diritto che ci viene sottratto”. La sua testimonianza solleva interrogativi cruciali sulla gestione della salute pubblica e sulla necessità di garantire un accesso equo e tempestivo alle cure mediche.

L’intervento di De Luca

L’esponente penstastellato aveva ricordato come il Consiglio regionale avesse respinto con 11 voti contrari e 6 favorevoli la proposta che impegnava ad avviare entro il primo trimestre del 2024 tutte le procedure necessarie per l’espletamento del concorso per il nuovo direttore della struttura complessa di cardiochirurgia del nosocomio ternano, oltre al ripristino in organico di un numero adeguato di medici ed operatori sanitari, al momento inferiore al necessario

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il sindaco torna a sollecitare in forma ufficiale il pagamento delle spettanze all'Ente: nuova missiva...
Il primo cittadino durante il consiglio comunale va all'attacco dell'ex assessore di Fdi che replica:...

Altre notizie

Terni Tomorrow